[Rischi lavorativi in ambiente sanitario]


      Virus dell'immunodeficienza acquisita

Misure preventive generali
  • Educazione sanitaria, programmi di informazione e formazione per gli operatori sanitari a rischio.
  • Scrupolosa osservanza delle "precauzioni universali" da seguire sempre e comunque con tutti i pazienti, indipendentemente dalla patologia e dalla certezza della diagnosi.
  • Utilizzo di appropriati dispositivi di protezione individuali (guanti, mascherina semplice o con visiera o schermo facciale, camici).
  • Abolire le manovre di incapucciamento degli aghi.
  • Tutti i taglienti, le siringhe e gli aghi devono essere raccolti dopo l'uso in contenitori a prova di puntura, per essere inviati allo smaltimento.
Interventi di prevenzione specifica

Al momento non è disponibile un vaccino contro l'infezione da HIV; la profilassi post-esposizione viene raccomandata dopo esposizione occupazionale associata al più alto rischio di trasmissione dell'infezione. Viene eseguita con la somministrazione di un' associazione di farmaci antiretrovirali. Tale profilassi dovrebbe iniziare subito, preferibilmente entro 1-4 ore dall'esposizione (non oltre 24 ore) e protratta per almeno 4 settimane.




For additional information


[collegamenti]


Ambulatori

Camera mortuaria, sale settorie

Centri e servizi di diagnosi

Reparti clinici di degenza

Sale operatorie

Ambulatori

Camera mortuaria, sale settorie

Centri e servizi di diagnosi

Reparti clinici di degenza

Sale operatorie

Virus dell'immunodeficienza acquisita